Aveva 24 anni Walter Guertler quando iniziò a interessarsi di dischi, insieme al fratello Ernest di cinque anni più giovane.

Di nazionalità svizzera, nato Basilea il 30 aprile 1924, aveva scelto Milano come centro operativo per le sue attività.

A Milano, lavorando sodo, costruì, anno per anno, la sua fortuna, creando dal niente una importante azienda discografica: la Saar. 

Vi era giunto negli anni in cui la città si stava riprendendo dai disastri della guerra.

Giovane intraprendente e colto (parlava in modo corretto quattro lingue, inglese, tedesco, francese e italiano), infaticabile lettore di libri e appassionato di musica, iniziò nel 1948 a importare e distribuire dischi stranieri sul mercato italiano.

Da piccolo aveva studiato il pianoforte, crescendo si era appassionato al jazz, al quale rimase fedele fino agli ultimi giorni di vita; ultima sua produzione, fu il CD GMG 43109 Tony Scott “The Old Lion Roars,  portato a termine nel marzo 2004, l’anno della sua morte, avvenuta a Lugano la notte tra il 10 e l’11  aprile, pochi giorni prima del suo compleanno (avrebbe compiuto 80 anni). Il figlio Boris continuò il lavoro del padre traghettando la Saar fino ad oggi, attraverso gli anni difficili che stiamo vivendo.                

 

Walter Guertler fu un pioniere della discografia italiana, protagonista assoluto di una stagione di grandi fermenti musicali e culturali a cavallo tra gli anni 50' e 60'.                                                                                                                                                                                                                                                               

 

 

CELSON

 

image005

 

 

 

 

 

 

Prima etichetta, fondata da Guertler nel 1948. Fece conoscere agli italiani i grandi jazzisti americani attraverso le pubblicazioni dei 78 giri (soltanto più tardi  sostituiti dagli LP in vinile).                                      

Nelle case degli italiani entrarono le nuove sonorità di Charlie Parker, Dizzy Gillespie, Erroll GarnerCount BasieMilt Jackson, Nat King Cole e moltissimi altri.

Un angolino del catalogo Celson era riservato alla musica sudamericana, a quella di alcuni gruppi italiani, da Pippo Starnazza a Pier Emilio Bassi e a una esigua produzione di classica. 

Questa etichetta tenne a battesimo il famoso LP 25005 “Chet Baker Sing & Plays con l’orchestra di Len Mercer (pseudonimo di Ezio Leoni), un esperimento riuscitissimo di collaborazione tra l’artista americano, famosissimo, e giovani musicisti italiani, alle prime armi, ma ben preparati. 

La Celson aveva sede in via Ariosto 28, Milano, con stabilimento in via Pianell 21 e distribuzione CGD/Messaggerie Musicali. Cessò l’attività alla fine del 1962.

 

 

 

 

 

MUSIC (Guertler & Co.Ltd.)

image007

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Fu la seconda etichetta di Guertler, fondata nel 1951, con sede via San Vittore 40/42, e distribuzione affidata a G.Ricordi & C.

Oltre a portare avanti il programma jazzistico iniziato con Celson, importando e distribuendo prestigiosi marchi stranieri quali Vogue, Good Time Jazz (Gerry MulliganDave BrubeckDjango Reinhardt, Sidney Bechet, ed altri), estese il raggio d’azione ad artisti internazionali di musica leggera  (Francoise Hardy, Petula Clark, Antoine).                                                                                                                                                                              

Anche l’americana Mercury entrò nel programma di distribuzione della Music, con il suo immenso catalogo di jazz, classica e musica leggera (The Platters, Frankie Laine, etc.), seguita da Metronome, Pacific Jazz, Atlantic e Warner Bros.

                                                                                   

Questa etichetta portò fortuna a Tony Dallara che divenne celebre con Come prima e due partecipazioni sanremesi Romantica (vincente)Un uomo vivo, ad Adriano Celentano, che iniziò la carriera con alcune versioni covers di Rock ‘n’ Roll e a Fausto Leali che rivisitò a modo suo l’antica Portami tante rose.                      

Mantenendo fede all’amore per il jazz, Guertler fece incidere per la Music artisti internazionali di passaggio per Milano: Chet Baker, Buddy Collette e Bud Shank oltre ai gruppi italiani di Nunzio Rotondo e di Basso-Valdambrini

 

La Music terminò le pubblicazioni alla fine del 1963, Il marchio venne riutilizzato successivamente per produzioni particolari.

 

 

 

JOLLY

image009

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nell’estate del 1958 Guertler, unì Celson e Music in un unica società denominata SAAR (Società Articoli Acustici Riprodotti) con sede in Viale di Porta Vercellina, 14, (l’attuale) e  fondò la sua terza etichetta, la JOLLY,  la più nota e prestigiosa, quella che maggiormente lo impegnò come imprenditore e talent scout.

                                                                               

Dal 1965 suo fratello Ernest lasciò definitivamente l’attività discografica per dedicarsi ad altro.

Walter continuò a pubblicare jazz di qualità regalandoci due autentico perle, il “Basso-Valdambrini Octet” e il “Basso-Valdambrini Quintet + Dino Piana”.

Nella musica leggere le azzeccò tutte! 24.000 baci di Celentano (che Sanremo, ragazzi!), i successi di Tony Dallara, Remo Germani, Peppino Gagliardi, Nicola di Bari, Fausto Leali, Gabriella Ferri (insieme a Luisa De Santis) e Junior Magli.                  

Fece conoscere al pubblico Enzo Jannacci, Luigi Tenco, Franco Battiato ed Herbert Pagani.  Ebbe il coraggio di pubblicare i primi dischi di cabaret con Milly, Laura Betti, Paolo Poli, Franco Nebbia, Cochi e Renato, diede spazio al teatro di Dario Fo e Franca Rame, si occupò di folclore regionale.

La Jolly fece da supporto agli artisti francesi della Barcklay: Dalida, Henry Salvador, Charles Aznavour e Jacques Brel, poi, grazie agli accordi tra Guertler e Vogue, Atlantic e Dot Record, irrobustì il suo repertorio con i successi di Francoise Hardy, Petula Clark, Udo Jurgens, Antoine, Christophe, Ben E King, April Stevens & Nino Tempo, Sonny & Cher, Bobby Darin,  Pat Boone, ed altri. 

Fu in questo periodo che Guertler rafforzò la sua azienda portandola ad essere una delle più importanti in Italia, con più di cento dipendenti, sala di registrazione, fabbrica di dischi, magazzini e organizzazione di vendita in proprio.

Gli artisti della Jolly parteciparono alle più importanti manifestazioni musicali del tempo; Sanremo, CanzonissimaCantagiro, Disco per l’estate, Gondola d’ora di Venezia, occupando spesso i primi posti delle classifiche specializzate.

Con questa etichetta, Guertler si assicurò 23 partecipazioni a Sanremo, dal 1961 al 1969. 

La Jolly dismise l’attività nel 1971. Il marchio venne ripreso in seguito solo per produzioni particolari.

 

 

 

CARAMBA

image011

Fu utilizzata nel 1962 solo per il singolo C 11000 di Adriano Celentano (Ciao amore e Veleno), quando il molleggiato lasciò la Saar per fondare il suo Clan.

 

 

 

 

STELLA

image013  image015

Creata nel 1963, costituì un primo tentativo di produrre dischi a prezzi economici con l’utilizzo di brani orchestrali, ballabili e folclore.          

Fu usata anche per la confezione speciale AC 300, contenente tutte le registrazioni di Adriano Celentano, incise per Music, Jolly e Caramba.

 

 

 

 

JOKER

 

image017

I marchi qui sotto riprodotti sono quelli più recenti utilizzati, quando SAAR riversò il catalogo da LP su CD 

image019  image021 

             

             

 

Fu l’etichetta più sfruttata dalla Saar, a partire dal 1967, scelta da Sergio Balloni, direttore commerciale, per dare nome a un grande catalogo economico, a prezzi popolari, contenitore di vari generi, musica classica, leggera, pop internazionale, jazz, blues, folclore, documenti storici, prodotti per l’infanzia, versioni cover dei successi d’alta classifica e ballabili alla fisarmonica di Mario Battaini. 

Il catalogo economico Joker (per la famiglia italiana) per la realizzazione del quale venne chiamato a collaborare Vanni Moretto, in qualità di musicista e organizzatore della produzione, a partire dal 1969, divenne in poco tempo asse portante dell’azienda. 

La JOKER stessa venne talvolta utilizzata al posto della Jolly per lanciare nuovi personaggi come Maurizio e The Casuals               

 

 

SIGNAL - SUPERSTEREO UP   

 image023   image025 

                   

Succedanei della Joker economica negli anni ‘70  furono la SIGNAL (con vasta produzione per l’infanzia) e la Superstereo UP International, quest’ultima destinata anche alla prima pubblicazione di artisti di musica leggera (Collageetc,).

 

 

 

HARMONY - LOTUS - PASSPORT  

   image029   image031image027

Successivamente la Saar diede vita ad alcune etichette create allo scopo di supportare nuove pubblicazioni da vendere ad alto prezzo, ad esempio HARMONY (Fabio Concato, Homo Sapiens, etc.), CILIEGIA BIANCA (Don Backy), LOTUS (il primo Vasco Rossi, per poco tempo artista Saar con Albachiara, La nostra relazione, Non siamo mica gli americani, ed altre) e PASSPORT (Tognella,ed altri).           

 

 

JOKER ELEGANCE - SAAR ELEGANCE

 

 image037  image035

 

 

 

L’etichetta Joker nel corso degli anni, nel momento di flessione delle vendite del vinile, riuscì a mantenere attivo il profitto trasferendo tutto il suo repertorio su musicassetta e stereotto.                                                                                                                                  

Con la comparsa del CD il marchio Joker, rimase sempre protagonista della scena musicale italiana, talvolta trasformato in JOKER ELEGANCE con la variante SAAR ELEGANCE (collane di musica leggera) o in

JOKER INTERNATIONAL (contenitore prevalentemente di brani di pubblico dominio).

 

 

BELLA ITALIA - LA DOLCE VITA

image039  image041

 

Parte della musica popolare registrata per i cataloghi economici venne riutilizzate alla fine degli anni ’90 in BELLA ITALIA, e incisioni di vario genere furono trasferite ne LA DOLCE VITA / Lounge Music. 

 

 

 

 

 

SAAR, impiegata come marchio, ebbe un uso limitano.

image043 

 

 

GIANTS OF JAZZ

image045

 

Nel tempo è diventata una etichetta prestigiosa, vessillo di un grandioso catalogo, nato con lo scopo di raccogliere i capolavori di jazz di tutte le epoche, con documenti fotografici, biografie degli artisti e dettagliate formazioni orchestrali.

In questo catalogo trovarono posto anche registrazioni appositamente realizzate da Guertler e da Moretto (Tony Scott, Lee Konitz, Enrico Rava, Mario Rusca, Gianni Basso, Bruno De Filippi e Paolo Tomelleri). Da qualche tempo Vanni Moretto era passato a collaborare con Guertler.      

           

                       

           

 JAZZ FOREVER

 image047

 

 JAZZ ROOTS

image049                                                                                             

Queste etichette vennero realizzate per esigenze commerciali, utilizzando il materiale usato per la GIANTS OF JAZZ

 

 

              

                                

JAZZ LANDS RECORDS                                                                                                                                                      

Raccolta di sei CD che ci restituiscono il sound delle città dove è nato il jazz: New Orleans, Chicago, Kamsas City, Harlem, New York City, e Los Angeles. 

                   

 

HISTORY OF JAZZ

image051

                                                                                                                                                     

Prodotto esclusivo destinato inizialmente al mercato giapponese.        

Impegnativa antologia jazzistica, ricca di documentazione, in 24 CD, riproducenti le registrazioni più significative, anno per anno, dalle origini (1917) al 1955.

 

 

 

 

BLOW UP         

image053

                                                               

Protagonista di questa etichetta dal 1984 al 1989 fu Miko Mission, un esponente del genere pop anni 80.

 

 

 

KABALA e KARMA

 image055  image057 

        

Furono usate raramente, per produzioni particolari.

 

 

 

 

BLUES ENCORE

image059

 

Questa etichetta fece da supporto alle migliori incisioni storiche di Blues, accostate ad alcune più recenti, realizzate da artisti contemporanei.

 

 

 

Collegata ad essa: BLUES FOREVER

image061          

 

 

 

 BLUES & ROCK CONNECTION

 image063                                

Questa etichetta fu creata alla fine degli anni ’90, la SAAR decise di investire su artisti di fama mondiale come: Cooper Terry, Johnny Mars, Michael Coleman & The Backbreakers, Zora Young, Cynthia Bland, Aida Copperetc, nell’ambito del genere Blues e Rock. 

 

 

 

 

 

THE ENTERTAINERS

image065

 

Collettrice di repertori internazionali di vario genere, questa etichetta propose i miti della musica leggera, pop, jazz, blues, gospel, folklore internazionale, etc. 

Etichette affiniSTARLITE, CAMEO, MUSIC POWER, ORIGINAL ARTISTS, GREAT AMERICAN LEGENDS, RED LINE (2 CD) e GOLD SOUND (2 CD)..

           

 

 

 

 

A WORLD OF MUSIC (MUSIC OF THE WORLD)

image067

             

  

 

E’ stata realizzata per accogliere musica etnica da tutto il mondo.

Vi trovarono posto anche produzioni originali finanziate da Guertler.

Compatibile con essa la SOUND THE WORLD.

 

 

 

 

SALUDOS AMIGOS

image069

  

Contenitore di musica latina-americana, Etichetta equivalente: MITOS.

 

 

 

 

 

GREAT MOVIE THEMES

image071

   

Ampia raccolta di colonne sonore dei film musicali più famosi.

 

 

 

 

CLASSICA - CONCERTO

image073  image075

 

                                                                                                                                                                                   

Queste 2 etichette, in rappresentanza della musica colta, offrono un vasto e variegato assortimento di musica classica, dal barocco al romanticismo, dalla musica da camera alla sinfonica, dai solisti alle orchestre. 

 

 

 

 

MAGIC TALENT

image077

             

L’etichetta presiede un catalogo specializzato inregistrazioni storiche di musica classica, una rassegna dei grandi protagonisti del passato.

 

 

 

OPERA

image079                                                                                                                                                                                   

Importante rassegna dedicata alla lirica con importanti testimonianze storiche: recitals, selezioni d’opera, celebri duetti etc.

 

 

ARK

image081

 

Questa etichetta, insolita per la Saar, curata da Vanni Moretto, realizzata a partire dal 1995, attiva per soli due anni, accolse le performances di alcuni giovani protagonisti della musica classica italiana.

Tra gli artisti impegnati nelle registrazioni debuttava il gruppo Atalanta Fugiens, che a distanza di quasi vent’anni è diventato uno dei più famosi in Europa, con il progetto di studio e registrazione del repertorio sinfonico milanese del ‘700.

 

 

 

 

GMG (acronimo di: Walter Guertler, Giovanni Moretto, Boris Guertler)

image083

 

Etichetta esclusiva, contenente materiale di nicchia, venduta ad alto prezzo, nata nel 2002 e dismessa nel 2004, divisa in due sezione distinte da numerazioni diverse: 43000 per il jazz e 34000 per il repertorio italiano. (Distribuita da BTF/Venus).

In otto CD raccoglieva il meglio del jazz realizzato per la Saar da Walter Guertler dal 1957 al 1961 (Chet Baker, Bud Shank, Buddy Collette, Bob Cooper, Gianni Basso, Oscar Valdambtini, Dino Piana, etc.) e da Walter Guertler e Vanni  Moretto, dal 1995 al 2004 (Enrico Rava, Mario Rusca, Bruno De Filippi, Paolo Tomelleri, Franco Cerri, Lee Konitz, Tony Scott, etc.).            

Seguivano tre CD italiani:

                                                                                                                                                                                                                 

1)  GMG 34101/2 Luigi Tenco microcofanetto, contenente due CD, con libretto, ampia documentazione fotografica e testimonianze di amici e collaboratori del cantautore, alternate takes, e altre rarità.                                                                                                                                                     

2)  GMG 34102 Nostalgia di Milan, una preziosa raccolta dedicata alla nostra città, con interpreti di lusso, da Enzo Jannacci a Milly, da Giovanni D’Anzi al Tognella, da Tony Scotti a Fred Bullo.                                                                                                                                                                

3)  GMG 34103 Il Cabaret, un omaggio agli inventori del genere, da Jannacci a Franco Nebbia, da Laura Betti a Paolo Poli, da Cochi e Renato al Tognella, da Pupo de Luca al Duo padano.

 

 

Etichette

image009image007image027image083
image005          image029        image017       image045